Uno scorcio del Padule di Fucecchio con un edificio accanto alla zona umida

Uno scorcio del meraviglioso Padule di Fucecchio

Quali sono i criteri di gestione obbligatoria dell’azienda agricola destinata ad operare in un’area protetta? Come cambia la governance della zona umida in un’ottica integrata? Quali i limiti e i vantaggi di sviluppare anche nel Padule di Fucecchio un processo di questo genere?

Intorno a queste e altre domande ruoterà il seminario “Fare agricoltura in un’area natura 2000: vincoli e opportunità” che il Disei dell’Università di Firenze organizza il prossimo 16 gennaio (ore 14.30) presso il Centro visite della Riserva naturale del Padule di Fucecchio.

L’obiettivo principale del seminario, organizzato nell’ambito del Psr della Regione Toscana, è quello di dare la possibilità agli agricoltori d’incontrare colleghi, tecnici, rappresentanti delle istituzioni e delle organizzazioni sociali operanti sul territorio del Padule per esporre le principali criticità ed elaborare delle strategie utili a valorizzare la propria attività nel contesto di una delle più importanti aree umide d’Italia.

Per far questo occorrerà analizzare insieme ai relatori l’attuale sistema di regole dell’intera area del Padule di Fucecchio e strutturare delle proposte gestionali in linea con gli obiettivi di cui sopra fra relazioni di esperti, studi di caso e una sessione di lavoro per gruppi.

Leggi il programma

Fare agricoltura in un’area natura 2000: vincoli e opportunità

Centro visite della Riserva naturale del Padule di Fucecchio via Don Franco Malucchi 115, Larciano...

Ulteriori informazioni »
Padule di Fucecchio, via Don Franco Malucchi 115
Larciano, Italia
+ Google Maps

Scarica il programma (Pdf)

Scrive per noi

Redazione
Redazione
“Agricolturabio.info” è un periodico d’informazione sull’agricoltura che innova nel segno della rigenerazione ambientale, della qualità biologica e biodinamica, del rispetto per chi produce, trasforma e consuma. Esce sul web con aggiornamenti plurisettimanali, ogni tre mesi su carta e in digitale con gli approfondimenti di “Agricolturabio Dossier”.

Parliamone ;-)