Il parlamento europeo a Bruxelles (Foto- Flickr)

Il parlamento europeo a Bruxelles (Foto- Flickr/European Parliament)

“Farm to fork”, il rinvio della presentazione preoccupa #Cambiamoagricoltura

La strategia europea finalizzata a ridurre l’uso di pesticidi chimici e raggiungere l’economia circolare si sarebbe dovuta presentare oggi. Ma a causa dell’emergenza sanitaria la scadenza è slittata al 20 maggio. Il comunicato della coalizione italiana che raccoglie associazioni agricole e ambientaliste

Era prevista per oggi, 29 aprile, la presentazione ufficiale da parte della Commissione Europea della strategia Farm to Fork, dal campo alla tavola. Ma a causa dell’emergenza Covid-19 questa importante scadenza è stata spostata al prossimo 20 maggio. Un rinvio che preoccupa la coalizione #CambiamoAgricoltura, che raggruppa tutte le più importanti associazioni italiane del mondo del biologico e dell’ambientalismo:

«L’emergenza per il coronavirus che stiamo vivendo non deve essere un alibi per rimandare gli impegni presi dalla Commissione Europea con il Green Deal per un’agricoltura più sostenibile, pulita e più sana per tutti noi, ma deve essere uno stimolo per la transizione ecologica da avviare subito e bene» si legge in un comunicato stampa diffuso nelle scorse ora.

 

Il Commissario europeo all'agriocoltura, Janusz Wojciechowski
Il Commissario europeo all’agriocoltura, Janusz Wojciechowski

 

Secondo la Commissione Europea la strategia Farm to Fork rappresenta una componente chiave del Green Deal europeo: la strategia porterà a ridurre in maniera significativa l’uso di pesticidi chimici, fertilizzanti e antibiotici e contribuirà a raggiungere l’economia circolare per ridurre l’impatto ambientale di tutta la filiera dell’agroalimentare agendo anche su trasporti, stoccaggio, imballaggio e rifiuti. Inoltre la strategia mira a sviluppare il consumo di alimenti sostenibili e a prezzi accessibili attraverso la diffusione delle informazioni relative alla provenienza, al valore nutrizionale e all’impatto ambientale del cibo. Per definire le azioni necessarie a raggiungere gli obiettivi dichiarati la Commissione Europea ha aperto negli ultimi mesi un confronto con tutte le parti interessate.

 

Guarda il video dell’European green deal

 

Proprio in merito a questa consultazione #CambiamoAgricoltura afferma che «sono pervenute alla Commissione Europea oltre 654 osservazioni da vari Enti ed Associazioni dei 27 Paesi membri, di cui 31 dall’Italia (il 4,7%)». Leggendo tutti i contributi provenienti dal nostro paese, fa notare la colazione, le osservazioni alla strategia “Farm to Fork” inviate dal mondo della ricerca «condividono le posizioni della Coalizione #CambiamoAgricoltura sulla necessità e urgenza di una svolta verde dell’agricoltura europea attraverso una seria riforma della PAC post 2020, con una maggior ambizione ambientale di questa politica comunitaria che impegna il 38% del budget europeo». Ma una parte del mondo produttivo continua a evidenziare una scissione tra la sostenibilità economica e quella ambientale.

Per la Coalizione questa scissione non esiste: «È scorretto affermare che l’agricoltura biologica non garantisce la qualità e sicurezza delle produzioni agroalimentari e la possibilità di sfamare i cittadini, sostenendo che l’unico modello di agricoltura basato sulla scienza sia quello legato all’industria chimica o alla ricerca genetica». E ancora:

«Si tratta di affermazioni smentite in numerosi documenti della Fao e dal crescente numero di accademici, ricercatori e tecnici impegnati oggi nello sviluppo di modelli e buone pratiche di agroecologia e dal crescente consumo di prodotti biologici (+ 20% ogni anno)».

Serve per questo una nuova Pac in grado di promuovere una transizione ecologica dell’agricoltura, coinvolgendo tutte le filiere agroalimentari, con un adeguato riconoscimento economico per i servizi ecosistemici garantiti dal lavoro degli agricoltori, ma con risultati reali e misurabili anche attraverso un potenziamento del monitoraggio e valutazione della loro efficacia.

 

Visita il sito della coalizione #cambiamoagricoltura

Visita il sito della coalizione #cambiamoagricoltura

 

La Coalizione #CambiamoAgricoltura auspica infine che il rinvio della presentazione della strategia “Farm to Fork” non si traduca in un indebolimento degli obiettivi per una agricoltura più sostenibile e chiede al Governo italiano di riavviare al più presto il processo partecipato per redigere il Piano Strategico Nazionale della PAC.

Scrive per noi

Carlotta Iarrapino
Carlotta Iarrapino
Analista, facilitatrice, comunicatrice e ambientalista. Laureata in economia a Firenze con master in Ambiente alla Scuola Sant’Anna di Pisa, svolge l’attività di consulenza dal 2000. È tra le fondatrici, nel 2008 di Contesti e Cambiamenti. Organizzazione, comunicazione e partecipazione le sue aree di intervento. È curatrice di BiodinamicaNews, la newsletter dell’Associazione per l’agricoltura biodinamica.

Parliamone ;-)